Mamma Sto Bene!
bambini che giocano

Bambini che dicono parolacce: cosa bisogna fare e come comportarsi

Oggi molti bambini dicono parolacce, ma cosa dovrebbe fare una mamma per limitare questa bruttissima abitudine?

Può essere piuttosto scioccante quando senti il tuo bambino imprecare. Forse ti starai chiedendo dove tuo figlio ha imparato quel tipo di linguaggio e se capisce davvero cosa sta dicendo. Il modo in cui reagisci ora alle parolacce di tuo figlio influenzerà il suo comportamento futuro e potrà fare la vera differenza tra un adulto maleducato e un adulto educato.

Perché i bambini dicono parolacce

I bambini piccoli dicono parolacce perché esplorano la lingua. Potrebbero provare una nuova parola, forse per capirne il significato. A volte la parolaccia accade accidentalmente quando i bambini imparano a dire parole.

I bambini potrebbero anche provare a esprimere una sensazione di frustrazione. Oppure potrebbero semplicemente dire la parola perché sembra divertente o vedono gli adulti che hanno una reazione diversa dal solito quando la sentono.

I bambini potrebbero anche imitare gli altri quando dicono parolacce.

Cosa fare quando i bambini dicono parolacce: azione immediata

Il modo più efficace per affrontare la parolaccia di tuo figlio è ignorare completamente la parolaccia. Non parlare, nessun contatto visivo. Se il comportamento è alla ricerca di attenzione, questo è spesso il modo migliore per fermarlo.

La tua reazione influenzerà il comportamento di tuo figlio, ricordalo sempre. Mantenere la calma è la chiave. Ciò contribuirà notevolmente a prevenire ulteriori parolacce e imprecazioni.

Se tuo figlio continua a dire parolacce o ritieni che sia opportuno insegnargli quali parole dire e quali parolacce non vanno assolutamente pronunciate, prova a parlargli della sua scelta di parole. Ad esempio, potresti dire “Non usiamo parole che turbano le persone”. I bambini in età prescolare potrebbero non comprendere appieno le parole che usano, ma possono capire che le parolacce possono ferire o offendere gli altri.

Se tuo figlio ha detto parolacce perché sta cercando di dire una nuova parola, è una buona idea correggere delicatamente la pronuncia di tuo figlio.

Dovresti spiegare cosa significa la parola?

In genere, i bambini piccoli e i bambini in età prescolare non hanno bisogno di spiegazioni quando si tratta di parolacce. Sono troppo giovani per comprendere alcuni dei concetti alla base delle più comuni parolacce. Basta dire “Non è una bella parola”.

I bambini di età superiore ai quattro anni possono trarre del bene da una semplice spiegazione. Se pensi che tuo figlio possa avere una certa comprensione del significato della parola, puoi chiedergli cosa pensa che la parola significhi. Quindi usa i termini generali per spiegare perché non va bene. Ad esempio, potresti dire “Questa è una parola per cacca, e non è carino da usare”.

Cosa fare a lungo termine

È una buona idea per i genitori concordare un linguaggio accettabile e discuterne con tuo figlio. Ad esempio, in alcune famiglie, espressioni come “Oh mio Dio” sono OK, ma altre parole non lo sono.

Se la tua famiglia ha delle regole sulle parolacce, sarà più facile sottolineare quando tuo figlio sta usando un linguaggio inaccettabile. Ad esempio, potresti dire “Per favore usa una parola più bella” o “Non usiamo parole del genere”.

Ed è meno confusionario per i bambini se le regole sulla parolaccia si applicano sia agli adulti che ai bambini. Se vuoi che i tuoi figli evitino di imprecare, anche tu e gli altri adulti in casa dovete evitarlo.

Ecco altre idee per incoraggiare il parlare rispettoso e ridurre la parolaccia nella tua famiglia:

  • Pensa ad altre parole da usare se trovi difficile smettere di dire parolacce e ad altri modi di gestire situazioni difficili. Ad esempio, invece di imprecare, potresti dire qualcosa del tipo “Mi sento davvero frustrato o arrabbiato”. In questo modo stai identificando modi migliori per esprimere i sentimenti.
  • Loda tuo figlio quando noti che si sta comportando in modo appropriato con i sentimenti di rabbia o frustrazione. Ad esempio, se tuo figlio ti dice che un compagno di giochi stava usando parolacce per prenderla in giro, lodalo per essersi allontanato dalla situazione e non aver usato quelle parole da solo.
  • Sii consapevole di ciò che tuo figlio guarda, ascolta e gioca. Ciò significa supervisionare e controllare le valutazioni su TV, film e altri contenuti multimediali e musicali. È anche una buona idea avere la TV, i computer e altri dispositivi in ​​una parte della casa dove puoi vederli facilmente.
  • I bambini in età prescolare (e alcuni bambini piccoli) possono essere affascinati da parti del corpo e dalle funzioni corporee. Potrebbero iniziare a usare parolacce inerenti a queste cose anche se alcune di queste parole potrebbero non andare bene in casa, è probabilmente solo una fase. Ignorare le parole o spiegare che non possono essere utilizzate aiuterà.

Affrontare la parolaccia affrontando la causa

Se sai perché tuo figlio sta dicendo parolacce, questo può aiutarti a decidere una risposta appropriata.

Se tuo figlio sta dicendo parolacce perché vuole attirare la tua attenzione o una buona reazione da parte tua, è meglio assicurarsi di non reagire affatto. Evita di ridere o arrabbiarti. Mantieni la calma e ignora la parola. Dai attenzione e lode quando tuo figlio usa un linguaggio educato. Quando invece la parolaccia è dovuta alla rabbia o alla frustrazione, puoi aiutare tuo figlio a dare un nome a quelle emozioni, ad esempio “Vedo che sei davvero arrabbiato / frustrato”. È anche importante che tuo figlio sappia che è normale provare queste emozioni. Ma è meglio per tuo figlio esprimere i suoi sentimenti usando parole più appropriate.

Potrebbe essere importante che tuo figlio si allontani da ciò che la fa arrabbiare. Ad esempio, se tuo figlio è arrabbiato con un compagno di giochi, digli di andarsene o di chiedere aiuto a un adulto per la situazione.

Puoi anche incoraggiare tuo figlio a usare parole alternative che non siano offensive.

Dove ha sentito mio figlio quella parola?

Ai bambini spesso piace provare le parole che ascoltano o inventano. E queste hanno la stessa probabilità di essere parolacce come gli altri. I bambini raccolgono parolacce da molte fonti, fuori e dentro casa.

Non tutti i bambini imparano parolacce dai loro genitori. L’esposizione alle parolacce in TV può portare ad un aumento della parolaccia nei bambini. Man mano che i bambini crescono, anche i loro amici e colleghi influenzeranno la scelta delle parole.

Letto dalle mamme