Mamma Sto Bene!
Studente disabile in spalla al docente

Un insegnante si offre di portare in spalla un’alunna disabile per farlo andare in gita

La solidarietà non può essere sconfitta da niente e da nessuno. I maestri sono i primi a dover far vedere quanto questa sia fondamentale per uniformare tutti, sempre e comunque. Ecco allora la storia di questo fantastico insegnante, che ha deciso di portare in spalla il suo studente disabile per permettergli di prendere parte alla gita di classe.

Il bellissimo gesto del maestro Jim per la piccola Ryan

Studente disabile in spalla al docente

Ryan è l’unica bambina disabile della sua classe. La piccola, a causa di un problema alla schiena, si trova costretta alla sedia a rotelle, senza aver possibilità fisiche autonome di alzarsi e stare sempre con i suoi compagni di classe. Questo impedimento si stava presentando anche per la gita di classe, alla quale Ryan non poteva partecipare perché in sedia a rotelle. Fortunatamente, non è stato così.

Tra il corpo docente che si stava occupando di organizzare la gita c’era il maestro Jim, che non era nemmeno un insegnante della piccola Ryan. Il maestro, però, quando ha sentito parlare del problema della bambina non ha minimamente esitato a proporsi per portarla in spalla, in modo che anche lei potesse andare con i suoi compagni.

Studente disabile in spalla al docente

Per rendere il viaggio meno pesante per entrambi, la mamma della piccola ha dato al docente uno zaino a marsupio che ha reso notevolmente più leggero e facile il trasporto della piccola sulla schiena. Grazie a questo gesto, Ryan ha potuto vedere il resto di un fossile insieme alla sua classe, cosa che non aveva potuto fare l’anno precedente perché non c’era un “maestro Jim” ad aiutarla.

La madre della piccola ha così dichiarato sui social, facendo di dominio pubblico il bel gesto del docente:

A chiunque sia costretto a stare su una sedia a rotelle: non lasciare che nulla vi fermi! E non avere paura di chiedere aiuto. Ci sono un sacco di brave persone in giro che vogliono aiutare.

Leggi anche: Padova, muore a 47 anni e lascia sull’epigrafe l’IBAN per far studiare la figlia