Mamma Sto Bene!
bimbo con nonno

Viaggio con i nonni: documenti e cose da sapere per un bambino che viaggia senza i genitori

Le normative in tema viaggio sono sempre in continuo cambiamento. Soprattutto per quanto riguarda i bambini, che lo Stato cerca di tutelare imponendo regole più rigide, per evitare l’espatrio illegale di minori cittadini italiani.

Attenzione: le regole che vedremo qui di seguito e quelle viste in precedenza riguardo il passaporto per i bambini e i documenti necessari per viaggiare con i bambini, si intendono per i bambini cittadini italiani. Per chi ha cittadinanza diversa, consiglio di rivolgersi all’Ambasciata o al Consolato del Paese di riferimento, perché le regole possono essere totalmente differenti.

Viaggiare in Italia senza i genitori

Per i minori di 14 anni che volano su tratte nazionali non accompagnati dai genitori o tutori ma magari in compagnia di parenti o amici di famiglia, non c’è assolutamente bisogno della dichiarazione di accompagnamento. Per volare all’interno dei confini nazionali, anche se si utilizza la Ryanair, basta il passaporto o la carta d’identità valida per l’espatrio del bambino più un’autocertificazione in carta semplice, firmata da entrambi i genitori ed accompagnata da una fotocopia delle carte d’identità sempre dei genitori.

Questa autocertificazione autorizza l’adulto (nonno, zio o amico che sia) ad accompagnare il proprio bambino durante il volo. Consiglio di inserire i dati anagrafici dei genitori, del bambino, dell’adulto che accompagna e ovviamente dei voli che faranno (incluso compagnia, date, orari, città di arrivo e partenza).

Minori che viaggiano in treno non accompagnati

Sotto ai 14 anni dunque i bambini e gli adolescenti che viaggiano devono essere accompagnati da un maggiorenne o devono essere affidati al personale di bordo di treni, aerei e pullman. Per i minorenni che devono viaggiare in treno da soli è attivo il servizio di accompagnamento da parte di Trenitalia e Italo. Su alcune Frecce tutti i bambini dai 7 ai 13 anni saranno seguiti da personale dedicato dalla partenza all’arrivo.

Il servizio su Italo è ‘Italo Junior’ ed è previsto per i minori dagli 8 ai 14 anni non compiuti. Sia per viaggiare con Trenitalia sia con Italo va presentata la dichiarazione di entrambi i genitori accompagnata dalla fotocopia dei documenti d’identità.

Viaggi all’estero con i nonni senza genitori

I viaggi all’estero dei bambini non accompagnati da almento 1 genitore, richiedono un particolare documento: la dichiarazione di accompagnamento. In Italia, finché i bambini non compiono 14 anni, per viaggiare all’estero con la semplice carta di identità o il passaporto, devono essere accompagnati da almeno 1 genitore. Quando non sono accompagnati da almeno uno dei due genitori ad esempio in caso di viaggi con i nonni, gite scolastiche, viaggi di studio, viaggi con amici e parenti o semplicemente il bambino deve viaggiare da solo è essenziale procurarsi l’attestazione di dichiarazione di accompagnamento.

Attestazione di dichiarazione di accompagnamento

L’attestazione di accompagnamento è un documento indispensabile a chi ha meno di 14 anni ed è cittadino italiano, per andare all’estero senza essere accompagnato da almeno un genitore o del tutore legale. Questo documento deve essere mostrato insieme al documento per l’espatrio ossia la carta di identità o il passaporto.

L’attestazione di dichiarazione di accompagnamento ha una durata temporanea e viene stabilita dai genitori, indica il nome della persona o della compagnia di trasporti che può portare il bambino fuori dai confini italiani senza i genitori, il Paese verso cui viaggia e il periodo di validità dello stesso documento. I genitori possono anche decidere che l’attestazione venga iscritta nel passaporto del bambino anziché su un foglio volante.

Accompagnatori per l’espatrio del bambino senza genitori

I genitori o i tutori possono indicare uno o due nomi di accompagnatori, ovvero persone autorizzate a far espatriare il bambino. Se sono indicati due nomi, essi si intenderanno alternativi: o l’uno o l’altro. Oppure possono designare la compagnia di trasporto con cui il bambino viaggia. In questo caso però è opportuno prima chiedere conferma alla compagnia che prevedano la possibilità di far viaggiare un bambino non accompagnato.

Non è necessario che il modulo sia presentato dai genitori può essere presentato da chiunque in possesso di tutta la documentazione, purché sia munito di delega: una semplice dichiarazione, anche scritta a mano che dichiara che quella persona ha titolo a presentare la richiesta al posto vostro o a ritirare il documento.

La richiesta per l’attestazione di dichiarazione di accompagnamento va depositata presso un ufficio di rilascio dei passaporti e occorre considerare almeno 2 settimane per ottenere il documento.

Non è necessario che il modulo sia presentato dai genitori o dal tutore legale, può essere presentato da chiunque in possesso di tutta la documentazione, purché sia munito di delega: una semplice dichiarazione, anche scritta a mano che dichiara che quella persona ha titolo a presentare la richiesta al posto vostro o a ritirare il documento.

La validità della dichiarazione, sia essa cartacea o con la menzione sul passaporto, è circoscritta ad 1 viaggio. La dichiarazione di accompagno vale per il periodo indicato dai genitori nella richiesta.

Letto dalle mamme