Mamma Sto Bene!
Barcellona

Cosa fare a Barcellona con un bambino piccolo

Barcellona con bambini è una meta perfetta perchè questa città grazie alla grande fantasia di Gaudì è un vero sogno ad occhi aperti. Il grande architetto spagnolo infatti è stato capace di trasformare un edificio e il profilo urbano di Barcellonain un racconto fiabesco. Gli edifici prendono vita tra linee morbide, suggestive rappresentazioni di fiori, animali e creature fantastiche ricorderanno ai vostri bimbi le forme disegnate dalla loro immaginazione e li accompagneranno per tutta la vacanza.

Movimentata e vivace come una classica città mediterranea, ma allo stesso tempo dinamica e glamour come le grandi capitali del Nord Europa. Barcellona è ed è sempre stata un grande crocevia di persone, idee, colori. Oggi questa straordinaria fusione artistica e intellettiva continua e insieme a Madrid, questa città ogni giorno ospita turisti da tutto il mondo.

Una curiosità sugli orari dei pasti a Barcellona: anche qui come in tutta la Spagna l’orario del pranzo e della cena è abbastanza “tardi” per gli standard italiani. Si pranza alle 14.00 e si cena verso le 22.00, ma tranquilla perchè se i bambini hanno fame di certo non mancano gli stuzzichini.

Dall’aeroporto di Barcellona al centro città

Il principale scalo aeroportuale di Barcellona è l’aeroporto di Barcellona El Prat che dista tuttavia 12 km dal centro della metropoli. Dunque dopo essere atterrati occorre capire come spostarsi per raggiungere il proprio hotel o bed and breakfast. In base alle tue esigenze puoi scegliere tra varie soluzioni di trasporto: autobus, metro, treni e taxi.

Senza ombra di dubbio il bus navetta è il mezzo più economico che parte da entrambi i terminal e collega l’aeroporto con Placa de Catalunya. La linea arancione della metro collega El Prat alla città, ma ti consigliamo di fare attenzione perchè sono necessari vari cambi e con bambini al seguito può risultare più difficile. I treni delle ferrovie spagnole (RENFE) effettuano corse da e per l’aeroporto con fermate in alcune stazioni fuori città, ma anche in questo caso il percorso verso il centro città non è diretto. La soluzione più comodo, ma anche quella più dispendiosa è sicuramente quella di utilizzare i classici taxi gialli e neri.

Cosa fare a Barcellona con bambini

La Barceloneta è la playa per antonomasia. In estate è affollatissima, ma basta un po’ di sole (e qui a Barcellona il meteo è magnanimo per gran parte dell’anno) e la morbida spiaggia sabbiosa di Barcellona accoglie tantissime persone. Ampia e lunga chilometri, La Barceloneta è facilmente raggiungibile dalla metropolitana. Il mare è pulito e trasparente e ci sono aree per tutti: dai ragazzi che vogliono ballare tutto il giorno e tutta la notte alle famiglie con bambini che vogliono far godere un po’ di mare ai propri figli. Grazie alle moderne strutture attrezzate qui ci si può cimentare in diversi sport e intrattenimenti acquatici.

Tra le mete da non perdere a Barcellona, un’attrazione del tutto gratuita che incanta e diverte soprattutto i più piccoli: la Fontana Magica di Montjuïc con i suoi giochi di luci, acqua e musica, è uno dei simboli della città catalana, visitata ogni giorno da moltissimi turisti nella cornice di Plaça d’Espanya.

Anima di Barcellona, La Rambla è la via più famosa della città spagnola e di sicuro non potete rinunciare a una passeggiata con i vostri bambini, che ameranno tantissimo l’allegra atmosfera, i colori, i profumi, le statue viventi e i bravissimi artisti di strada che animano il viale. Da qui potrete poi visitare i caratteristici vicoli del Barrio Gotico e del Born tra le antiche vie di Barcellona. Alla fine de La Barceloneta c’è la Statua di Colombo (Mirador de Colom), è possibile anche salirci per ammirare il panorama dall’alto. Ti consigliamo di fare attenzione ai borseggiatori, perchè come in tutti i posti affollati c’è sempre il rischio di incorrere in problemi di questo tipo.

Per accontentare grandi e piccini, una tappa irrinunciabile della vostra passeggiata sulla Rambla è il caratteristico mercato coperto de La Boqueria. I bambini saranno contenti di questa esperienza e ricorderanno per sempre l’esplosione di colori, profumi e sapori. Tante caramelle e frutta che non hanno mai visto prima, il momento giusto per una sana e gustosa merenda!

Cosa vedere a Barcellona con tutta la famiglia

Lo hai sicuramente visto in mille foto, Parc Güell è un luogo fiabesco creato dal genio di Gaudì e assieme alla Sagrada Familia è una delle attrazioni più visitate di Barcellona. Architetture dalle forme sinuose e dai colori sgargianti con piastrelle colorate, percorsi da seguire con fantastiche visione che sembrano uscite da un libro per bambini. Ti consigliamo di prenotare i biglietti online in anticipo, possibilmente con il salta fila per essere sicuri di entrare subito e non passare mezza giornata in coda all’entrata.

Altra opera di Gaudì, Casa Battlò sembra uscita da un libro di fiabe. I colori, le forme, i dettagli fantastici: sembra di entrare in un sogno ad occhi aperti. Ti consigliamo di fare il tour guidato, ti verrà dato un paio di cuffie e un tablet su cui visualizzare le animazioni. A breve distanza dalla Pedrera, altro edificio progettato dal famoso architetto catalano, lungo Passeig de Gràcia, incontrerete l’incantevole facciata di questo edificio modernista e anche se il biglietto per visitare gli interni è un po’ caro ne vale assolutamente la pena. Casa Batlló è nota come “Casa del drac” (casa del drago) e appena arrivati davanti capirete subito il motivo. Infatti la facciata sembra racchiusa tra le fauci di un grosso drago, che tornano anche in dettagli all’interno e all’esterno come il tetto a scaglie colorate che assomiglia alla schiena e alla coda del drago.

Il simbolo per eccellenza di Barcellona è la Sagrada Familia. Pare un castello di sabbia colata e i bambini restano tutti incantati a guardarla a occhi aperti. Anche se incompleta, la struttura è imponente e immensa. Una volta entrati resterete anche voi di stucco davanti al gioco di luci: Gaudì ha infatti incanalato meravigliosamente la luce naturale facendola filtrare attraverso le vetrate colorate. Per dare uno sguardo al panorama potete salire sulle Torri, ma ricordati che l’ascensore vi porta su, ma poi bisogna scendere a piedi (i bambini sotto ai sei anni non possono salire).

La teleferica è un modo divertente per raggiungere il Montjuïc, soprattutto per tuo figlio che potrà ammirare la città dall’alto. Una volta arrivati in cima, potete visitare il Castello del Montjuïc e giocare con i cannoni esposti all’esterno.

Salendo sulla collina Tibidabo, potrete prima di tutto godere di uno splendido panorama su Barcellona, dopo esservi rifatti gli occhi potrete entrare in un parco attrazioni fra i più antichi d’Europa. Le giostre sono tante e entusiasmanti: la ruota panoramica, delle montagne russe e altre – considerando la prospettiva sulla città, mettono addirittura si rischiano un po’ vertigini!

Un consiglio per vedere qualcosa di poco conosciuto ma di molto carino? Il museo del cioccolato, un museo piccolino ma che porterà tutta la famiglia nel magico mondo del cioccolato e farà apprendere ai bambini come viene prodotto. Il momento più bello? Quando alla fine della visita si può gustare il miglior cioccolato della zona.

Se siete a Barcellona con i bambini potete fare una gita fuori porta e andare a visitare il vicino parco a tema Port Aventura, il più grande d’Europa. A poco meno di un’ora e mezza di auto da Barcellona, i papà sicuramente vorranno visitare anche FerrariLand lì vicino.

Letto dalle mamme