Mamma Sto Bene!
gambe donna spiaggia

Come eliminare la cellulite sulle gambe

Come eliminare la cellulite? Una domanda che tutte le donne si fanno, almeno una volta nella vita, spesso prima di ogni appuntamento con la prova costume, perché questo inestetismo tipicamente femminile non risparmia quasi nessuna ed è difficilissimo da eliminare.

Anche se ad oggi non è stata ancora scoperta una formula in grado di far scomparire miracolosamente la cellulite, esistono però molti accorgimenti che possono ridurre o prevenire la comparsa della nemica n.1 delle donne.

L’importante è aggredire la cellulite su più fronti: per prevenirla e curarla, serve agire sui diversi fattori che causano l’insorgenza della pelle a buccia d’arancia, cioè sugli accumuli adiposi e sulla cattiva circolazione che causa il ristagno di liquidi. E’ quindi importante l’azione congiunta di tanti alleati, dalla dieta allo sport, dai trattamenti estetici ai rimedi naturali fino ai farmaci.

Inoltre, non bisogna avere fretta: i risultati migliori si ottengono con pazienza e dedizione.

La dieta anticellulite

Per combattere la cellulite, il primo passo è seguire una dieta equilibrata e varia, cercando di limitare al massimo il consumo di zuccheri e grassi, che favoriscono gli accumuli adiposi, e il sale, che tende ad aumentare la ritenzione idrica locale.

Anche bere molta acqua rappresenta una misura preventiva anti-cellulite: l’ideale sarebbe 1,5/2 litri al giorno. L’acqua trascina con sé il sale e ne favorisce l’eliminazione. Non riesci a bere acqua? Puoi ottenere lo stesso risultato con le tisane, ottime anche fredde da sorseggiare durante la bella stagione.

E’ importante anche portare in tavola cibi ricchi d’acqua, ad azione idratante e depurativa. Un organismo carico di tossine, infatti, è più esposto al rischio di cellulite, perché la loro presenza impedisce al tessuto connettivo di svolgere correttamente la sua funzione di transito dei prodotti di scarto del metabolismo e dei nutrienti cellulari. In questo modo, la pelle perde la sua compattezza ed elasticità. Un’alimentazione ricca di cibi depurativi può aiutarti a smaltire le tossine, oltre che a contrastare la ritenzione idrica.

La giusta dieta anticellulite è anche molto ricca di fibre, che favoriscono l’attività dell’intestino e lo aiutano a trattenere meno liquidi e meno grassi.

Ci sono poi una serie di cibi utili perché migliorano la circolazione e riducono l’infiammazione e il gonfiore dei tessuti.

Eliminare la cellulite con lo sport

Sì all’attività fisica, in qualsiasi forma, perché migliora la circolazione, tonifica i muscoli e i tessuti, aiuta a bruciare i grassi.

Il consiglio è di cambiare il tuo stile di vita, adottando una dieta sana e svolgendo regolarmente attività fisica.

L’ideale è combinare potenziamento muscolare e lavoro cardio: contro la cellulite puoi abbinare l’allenamento in palestra per tonificare i muscoli con sedute di allenamento aerobico per bruciare grassi e calorie. Tra gli allenamenti più efficaci c’è il GAG, acronimo di “gambe, addominali, glutei” perché fa lavorare soprattutto quei gruppi muscolari, tra i più colpiti dalla cellulite. Puoi abbinarci un lavoro di endurance, come una camminata o la corsa.

Ci sono poi alcuni sport che si rivelano particolarmente utili per eliminare la cellulite, perché agiscono sulla circolazione e sulla ritenzione idrica.

Lo stile di vita che tiene lontana la cellulite

Mangiare sano, fare sport, ma non solo: ci sono tante altre buone abitudini che ti consigliamo di adottare nel tuo quotidiano per prevenire e combattere la cellulite. Eccone 4 particolarmente importanti:

  • Evita gli abiti troppo stretti, perché impediscono la normale circolazione sanguigna e, comprimendo il sistema venoso e capillare, favoriscono il formarsi della cellulite.
  • Non usare tacchi troppo alti e scarpe troppo strette, perché potrebbero ostacolare la normale circolazione. Quandoti viene voglia di acquistare dei tacchi vertiginosi, pensa che non fanno bene alla tua cellulite.
  • Non fumare. Il fumo provoca il restringimento dei capillari causando una cattiva ossigenazione delle cellule. In questa maniera i tessuti soffrono e diventano facile preda della “buccia d’arancia”.
  • No all’alcol. Cerca di abolire, o almeno di ridurre, le bevande alcoliche, che oltre ad apportare calorie inutili sovraccaricano il fegato ostacolandone l’azione depuratrice.

Anche i trattamenti mirati possono darti una mano a eliminare la cellulite.

In particolare, la medicina estetica offre diversi rimedi per combattere gli inestetismi della pelle legati alla cellulite. Non sai quale scegliere? Tra le tecniche all’avanguardia per rimodellare e snellire la silhouette se soffri di cellulite ci sono:

  • linfodrenaggio
  • mesoterapia
  • criolipolisi
  • carbossiterapia

Attenzione: la cellulite non si elimina con la liposuzione.

I rimedi naturali contro la cellulite

I rimedi naturali anticellulite sono dei composti fitoterapici che puoi usare in diversi modi. In natura, infatti, esistono piante che ti permettono di ridurre il problema, grazie ad azioni di vario tipo: solitamente agiscono sui vasi sanguigni, migliorando l’elasticità delle pareti, ma anche esercitando una funzione antinfiammatoria o drenante.

Quando si parla di rimedi naturali anticellulite, una premessa è d’obbligo: le varie piante che si possono utilizzare devono essere parte di una strategia globale, che includa anche la giusta alimentazione e l’attività fisica.

I rimedi fitoterapici che trattiamo qui appartengono a tre diverse tipologie: tisane, gemmoderivati e tinture madri. Le differenze fra queste tre tipologie sono di vario tipo.

Tisana

Con il termine tisana si intende una preparazione da erbe, in cui si usa l’acqua come solvente: in questo modo si estraggono i principi attivi delle piante scelte nella formulazione. Anche le tisane possono essere di diverso tipo: infusi, decotti o macerati.

  • Decotto. Si usano sotto forma di decotto tutti quegli elementi che hanno principi attivi stabili rispetto al calore, come radici, cortecce e semi. Il decotto si prepara versando gli ingredienti sminuzzati nell’acqua bollente, coprendo il recipiente e continuando a far bollire il tutto secondo il tempo specifico di ogni erba: mediamente da 5 a 20 minuti. Una volta passato questo tempo, è necessario filtrare il liquido attraverso un colino o con un telo di cotone: il decotto si deve usare entro le 24 ore.
  • Macerato. Il macerato si prepara versando un solvente a temperatura ambiente sulla pianta: il solvente può essere acqua, come nel caso delle tisane, o alcol, ma anche vino, aceto oppure olio, come succede con certe bevande come il mirto. Si lascia macerare per un periodo che va da 1 a 30 giorni, secondo l’erba che abbiamo usato, agitando ogni giorno il contenitore ben sigillato. Il liquido deve essere poi filtrato e conservato al buio e in un luogo fresco, dentro recipienti di vetro ben chiusi. Se il macerato è stato fatto con l’acqua va bevuto entro le 24 ore, mentre se è fatto con olio, alcol o aceto dura da 1 a 6 mesi.
  • Infuso. L’infuso è un estratto che si ottiene utilizzando foglie, fiori e gambi delle erbe: queste contengono principi attivi che riescono a liberarsi grazie all’azione combinata di acqua e calore.Per farlo basta versare dell’acqua bollente sulla pianta e lasciare in infusione per un tempo medio di 10 minuti. Una volta passato questo tempo, si filtra con un colino o un telo di cotone pulito. L’infuso va bevuto tiepido e può essere consumato anche freddo non oltre le 24 ore.

Tintura madre

Le tinture madri sono delle estrazioni di erbe e piante officinali, ottenute dalla macerazione della loro droga (pianta) in acqua e alcol: in questo caso si usa la parte adulta della pianta,come le foglie, le sommità fiorite, le radici o la corteccia.

Gemmoderivato

I gemmoderivati, chiamati anche macerati glicerinati, sono ottenuti dalla macerazione di tessuti embrionali freschi come appunto gemme, boccioli, radici giovani, linfa e semi.