Mamma Sto Bene!
bambini annoiati immagini

Annoiarsi fa bene, cosa fare quando tuo figlio non sa che fare

“Mamma mi annoio, cosa posso fare?”

Hai mai pensato che saresti milionaria se qualcuno ti regalasse un centesimo ogni volta che tuo figlio si lamenta di annoiarsi e ti dice che non sa cosa fare?

Nel mondo non-stop di oggi, la noia è vista come una cosa negativa. Eppure i bambini si annoiano e su questo non puoi farci nulla, è così e basta. La novità è che la noia fa bene al piccolo e che ogni tanto non sapere che cosa fare è assolutamente salutare.

Questo infatti può permettere di vivere momenti di indecisione e di liberarsi dalla fissazione del gioco guidato dai bambini. Siamo diventati una società di gratificazione istantanea e i bambini quasi iniziano a farsi prendere dal panico se non hanno nulla da fare.

Perché i bambini odiano annoiarsi?

La tecnologia, il consumismo e l’enorme aumento delle attività extrascolastiche come lo sport, il catechismo e qualsiasi corso pomeridiano per bambini hanno creato un mondo in cui i più piccoli conducono una vita altamente strutturata, con poco tempo a disposizione per stare senza fare niente e per capire che cosa vogliono fare.

Anche l’aumento del numero di famiglie in cui lavorano entrambi i genitori è un fattore importante, poiché i bambini trascorrono più tempo in attività organizzate. Non è più come una volta quando si passava il pomeriggio con gli amici in strada a pensare e inventarsi giochi. La minaccia del pericolo che incombe per strada ha reso abbastanza insicuro mandare i bambini piccoli senza supervisione in giro a giocare.  Inoltre osservare la vita di altre famiglie sui social media può farci sentire che non siamo all’altezza se i nostri figli non conducono vite piene di stimoli e cose da fare.

Ma lungi dall’essere una cosa negativa, i momenti di noia, in cui i bambini devono fare affidamento su se stessi per l’intrattenimento, sono essenziali per un’infanzia sana.

La noia incoraggia l’immaginazione e la creatività

Quando i bambini vengono lasciati soli sono costretti a essere più creativi e fantasiosi nel trovare il modo di divertirsi.

Offrire loro l’opportunità di provare cose di propria volontà aumenta il loro senso di scoperta e curiosità e li aiuta a esplorare ciò che li rende felici dandogli anche la soddisfazione di essere riusciti a trovare qualcosa da fare senza un aiuto adulto esterno. In effetti, la ricerca ha scoperto che le persone a cui viene assegnata una serie di compiti noiosi da portare a termine mostrano più immaginazione quando viene loro chiesto di prendere parte a un’attività di pensiero creativo.

I bambini devono imparare a prendere l’iniziativa e pensare a modi per occuparsi che non sono dettati da qualcun altro, questo è sicuramente un importante stimolo per l’immaginazione e la loro creatività.

Annoiarsi porta grinta nella propria vita

“Resilienza” è diventato una parola d’ordine nelle scuole, riferendosi ai bambini che sviluppano un atteggiamento grintoso quando devono superare sfide nuove e prove che li mettono in guardia contro tutto quello che gli capiterà ogni giorno a scuola e a casa. 

Essere annoiati – o dover pensare a modi per divertirsi – è un modo importante per sviluppare questa “grinta”.

Le persone sono naturalmente portate a credere di essere brave in tutto, ma i bambini che non hanno mai sperimentato un fallimento non sanno come affrontarlo quando questo si presenta. Avere tempo libero per provare le cose senza la paura di fallire è essenziale se un bambino deve sviluppare grinta e capacità di recupero.

La noia sviluppa le capacità di problem solving del bambino

Tuo figlio si aspetta che ti venga in mente qualcosa da fare ogni volta che non ha attività preimpostate?

Bene, smetti di intervenire, perché essere annoiato lo aiuterà a sviluppare le loro capacità di problem solving. In un mondo in cui i bambini sono costantemente stimolati, possono sentirsi a disagio se non hanno nulla da fare. Ma questo incoraggia l’iniziativa e la risoluzione dei problemi, poiché devono fare affidamento su se stessi per affrontare il” problema “di annoiarsi.

Avere tempo non strutturato per giocare con altri bambini aiuterà tuo figlio a sviluppare abilità interpersonali che si stanno perdendo in questa generazione ossessionata dalla tecnologia. Quando ai bambini viene dato tempo e spazio senza nulla che li distragga, questo li aiuta a negoziare e collaborare tra loro e sviluppare attività congiuntamente.

Stanno imparando a comunicare, a stabilire un contatto visivo e a leggere il linguaggio del corpo: cose che possono essere apprese solo dall’esperienza.

La noia crea fiducia

Quando tuo figlio ha l’opportunità di occuparsi e riesce a farlo con successo, aumenta la sua autostima. Quando i bambini hanno tempo libero, possono provare nuove cose, testare i propri limiti e correre rischi, il che rafforzerà la loro fiducia.

I bambini di oggi (e anche gli adulti) tendono ad essere così impegnati che c’è poco tempo per stare fermi e lasciare vagare le loro menti. Avere il tempo di capire di essere annoiati dalla mancanza di cose da fare offre loro l’opportunità di pensare e conoscersi meglio. La ricerca ha dimostrato che lasciare alla mente il tempo di vagare piuttosto che concentrarsi continuamente sulle attività è molto importante per la salute mentale.

Non sempre si pensa che infatti la noia crea un senso di appartenenza. Oltre a avere il tempo di pensare, i tempi di inattività non strutturati danno ai bambini un maggiore senso di comunità. Se i bambini sono sempre impegnati in attività mirate, danno per scontato ciò che li circonda. Ma è importante che abbiano la possibilità di interagire con il loro ambiente in modo che provino un senso di appartenenza al luogo in cui vivono.

Tuo figlio potrebbe obiettare che essere annoiato è, beh, noioso, ma in realtà potrebbe rendere la sua infanzia complessivamente più felice. Se tuo figlio è abituato ad avere il tempo super organizzato, passare a uno stile di vita in cui sono responsabili delle loro opzioni di divertimento può essere difficile.

All’inizio sarà difficile perché non sanno come farlo, e dovrai essere il loro allenatore dell’immaginazione, ma una volta che la scintilla si è accesa, andrà meglio. 

Letto dalle mamme