Mamma Sto Bene!
culla bambini stanzetta

Scegliere la culla adatta al neonato, guida passo passo

Vediamo anche come scegliere la culla più adatta in base alle nostre esigenze.

Sicurezza prima di tutto

La prima cosa da prendere in considerazione quando si tratta di scegliere la culla adatta al nostro bambino è la sicurezza. L’usanza vuole che la culla si trovi nella stessa camera del letto matrimoniale dei genitori ma che non sia attaccata ad esso: infatti se inavvertitamente venisse colpita durante la notte potrebbe rovesciarsi ed il nostro bambino potrebbe farsi male. Stessa cosa se il bebè dovesse dormire direttamente nel letto con noi: ciò è altamente sconsigliabile, perché potremmo colpirlo o fargli inavvertitamente del male facendolo cadere dal letto.

Tuttavia, molte di queste teorie sono state riviste e rivisitate ed abbiamo assistito alla nascita delle bedside cots, culle alle quali è possibile rimuovere una spallina e che possono essere saldamente agganciate al letto matrimoniale, così da tenere sotto controllo il bambino senza doversi necessariamente alzare dal letto e soprattutto avendo il piccolo più vicino a noi senza incorrere in inutili pericoli.

Via libera invece al dondolo! Se il vostro bambino dovesse infatti soffrire di colichette o avesse difficoltà nel dormire, una culla con dondolo incorporato può risultare di grande aiuto.

No a merletti, fiocchi e nastrini

Nonostante siano decorazioni molto apprezzate dalle mamme per quanto riguarda la culla e le carrozzine il loro impiego è sconsigliabile. Si tratta infatti di un rischio inutile la cui utilità è prettamente estetica: con i nastrini, infatti, il bambino potrebbe affogarsi o farsi male! Perciò, se proprio non avete intenzione di rinunciarvi, cercate di limitarvi ai merletti e teneteli lontani dalla portata dei bambini mantenendoli magari all’esterno della culla. Prediligete dunque la semplicità, che in questo caso è sinonimo di sicurezza.

Occhio al prezzo

Il prezzo di una culla può andare da un minimo di 80€ a più di 300€. Nonostante esistano culle che offrono un rapporto qualità-prezzo davvero ottimo, non facciamoci ingannare dalle pubblicità e vediamo di informarci sui materiali di cui sono composte le culle e se rispettano le norme di sicurezza attuali. Raccomandiamo di non ripiegare quindi sui materiali più scadenti per la culla del nostro bambino, ma anche l’opposto può essere ingannevole: non sempre infatti una culla costosa è una culla affidabile. infatti spesso il prezzo è alto anche semplicemente per la grande quantità di accessori che presenta la culla in questione, come inutili baldacchini ed ornamenti che riguardano solo i fattori estetici della culla.

Attenzione alle dimensioni

Le dimensioni di una culla sono molto rilevanti. Cercate di scegliere culle grandi in grado di poter tenere il vostro bambino comodo almeno fino ai sei mesi o un anno di vita. I bambini crescono molto velocemente, quindi scegliete culle che siano abbastanza grandi da consentirgli libertà di movimento anche quando dorme. L’altezza corretta per la sponda della culla dovrebbe essere almeno di sessanta centimetri (e venti centimetri quando abbassata, così da consentire al bimbo di scavalcare) mentre la distanza tra le sbarre deve essere compresa tra i sei e gli otto centimetri. Un altro piccolo accorgimento di cui tener conto nella scelta della culla è quello di acquistare dei coprispigoli per gli angoli e dei paracolpi, per evitare che il bimbo si possa far male!

Culle tra cui scegliere

Queste di seguito sono le culle che dovresti pensare di acquistare se stai ipotizzando di prenderne una per il tuo bambino. Sono scelte per tenere un buon rapporto qualità prezzo e per recensioni degli utenti. Non resterai deluso da nessuna di queste opportunità.

Materasso e cuscini

Contrariamente a come si crede, è consigliabile che il bambino dorma senza cuscino almeno fino al primo anno d’età e che mantenga dunque nel sonno una posizione quanto più orizzontale possibile per favorire una corretta postura durante la crescita.

Per quanto riguarda il materasso, invece, anche qui c’è un mito da sfatare: no a materassi morbidi e a materassi più rigidi sempre per questioni di postura, mentre per quanto riguarda il materiale è preferibile utilizzare materassi in caucciù o lattice, ma in ogni caso anallergici. Sceglietelo sempre perfettamente aderente alla culla, nel caso non dovessero darvelo in dotazione con l’acquisto della culla.

Altri accorgimenti

  • Altezza regolabile: se volete agganciare la culla al vostro letto per tenere il bambino vicino, optate per una culla con altezza regolabile ma ponete attenzione alle spondine.
  • Spondine removibili: no alle spondine a scomparsa perché potrebbero creare uno spazio tra letto e culla dove il bambino può inciampare o incastrarsi.

Il corredino

Il corredo completo per la culla dovrebbe prevedere:

  • materasso con coprimaterasso
  • cuscino con federa
  • paracolpi
  • biancheria da letto composta da lenzuola, piumino e copripiumino

Come abbiamo già accennato, il materasso deve essere rigido ed anallergico. Inoltre consigliamo un materasso traspirante per la pelle del bambino.

Il cuscino, da integrare dopo il primo anno di età, deve essere sottile e deve seguire gli stessi accorgimenti del materasso ossia deve essere anallergico e fabbricato con materiali atossici. In circolazione oggi esistono anche cuscini che permettono la circolazione dell’aria in modo tale da risultare anti soffocamento, perfetti per i più piccoli!

Per quanto riguarda invece la biancheria da letto, soprattutto per le lenzuola e le federe del letto, assicuratevi che siano fatte in tessuti naturali per permettere la massima traspirazione e preservare la pelle del vostro bambino. Per saperne di più sui tessuti adatti ai nostri bebè, date un’occhiata qui.