Mamma Sto Bene!
famiglia in viaggio

Che documenti servono per un viaggiare con bambini

Quali sono i documenti necessari per viaggiare con il proprio bambino in Italia o all’estero? Scopriamo insieme cosa occorre per poter fare una vacanza da sogno in compagnia di tuta la famiglia al completo.

La normativa relativa ai minori in viaggio è abbastanza complessa, perché è in continua evoluzione e varia a seconda della destinazione del viaggio, della cittadinanza di chi viaggia e del mezzo di trasporto utilizzato. Avete tutto pronto per la vostra tanta agognata vacanza con la vostra famiglia: i biglietti aerei sono stati acquistati, i bagagli pronto, ma  di quali documenti hanno bisogno i vostri bambini per poter viaggiare?

Per evitare sorprese è sempre bene informarsi con largo anticipo. In caso di viaggi organizzati è consigliabile chiedere indicazioni direttamente all’agenzia o al tour operator mentre, se si ha in programma un viaggio fai da te, il suggerimento è di consultare le fonti ufficiali della Polizia di Stato, del Ministero degli Affari Esteri italiano e dell’Ue che sono indicati di seguito; un suggerimento che rimane valido anche dopo la lettura di questo articolo esauriente ed aggiornato con le novità introdotte negli ultmi anni, poiché, come già scritto, la normativa italiana ed europea in materia è in costante evoluzione.

Quali documenti servono per viaggiare in Italia con bambini

Come regola generale, se si parte con un minore per un viaggio all’interno dei confini nazionali, non sono necessari particolari documenti per i bambini. Tuttavia, se si decide di viaggiare in aereo, anche all’interno del Paese, è richiesto ai minori un documento individuale di riconoscimento. Secondo la normativa vigente, anche i minori di 15 anni possono richiedere il rilascio di una carta d’identità individuale che è di durata triennale (per i minori da 0 a 3 anni) o quinquennale (per i minori fra i 3 e i 17 anni). Per ottenerla i genitori devono recarsi con tre fototessere presso l’Ufficio Anagrafe del Comune di residenza.

Non occorre particolare documentazione per spostarsi all’interno del suolo italiano, tuttavia se si opta per spostamenti aerei, un valido documento d’identità risulta indispensabile anche per tutti i bambini e i ragazzi minorenni. Il documento necessario in questo caso è la Carta d’identità. Puoi richiederla presso l’Ufficio Anagrafe del proprio Comune di residenza e la sua validità è:

  1. dalla nascita ai 3 anni: validità triennale
  2. dai 3 ai 18 anni: validità quinquennale

Se viaggiate in aereo in Italia all’imbarco gli addetti della compagnia aerea chiederanno di vedere un documento del bambino, che deve essere in corso di validità e regolare. In treno solitamente il controllore chiede il documento ai bambini solo durante i viaggi di notte, ma può capitare che anche di giorno ti venga richiesto il documento. In ogni caso sappi che qualsiasi pubblico ufficiale può chiedere in qualsiasi momento di verificare l’identità del minore tramite documento.

Quali documenti servono per viaggiare in Europa con bambini

Per quanto riguarda gli spostamenti nell’Unione Europea in compagnia di minorenni, la questione è ovviamente più delicata. Infatti, anche i minorenni devono essere in possesso di un valido documento d’identità individuale, che sia passaporto o carta d’identità valida per gli espatri all’estero. Non dimentichiamo, inoltre, che in aree come la Russia è necessario richiedere il visto valido per viaggi turistici, di studio o altro da richiedere presso le apposite Ambasciate presenti in Italia.

Dal 26 giugno 2012, per poter viaggiare all’interno dell’Unione Europea, i minori devono essere in possesso del passaporto individuale o della carta d’identità valida per l’espatrio (la validità per l’espatrio deve essere richesta espressamente alle autorità competenti). Se il minore ha meno di 14 anni e deve recarsi in una destinazione dell’Ue senza i genitori, occorre richiedere il rilascio di un’autorizzazione specifica da parte della questura. Altri dettagli sono reperibili sul sito dell’Ue.

Carta d’identità valida per l’espatrio

  • Dove richiederla: presso l’Ufficio Anagrafe del proprio Comune di residenza
  • Validità dalla nascità ai 3 anni: triennale
  • Validità dai 3 ai 18 anni: quinquennale

Passaporto

  • Dove richiederlo: Questura
  • Validità dalla nascità ai 3 anni: triennale
  • Validità dai 3 ai 18 anni: quinquennale

Lasciapassare per l’espatrio

  • Dove richiederlo: presso il Commissariato di Polizia o presso la Caserma dei Carabinieri
  • Validità: 15 anni

Oltre ai documenti sopra riportati, vale la pena ricordare un’altra attestazione che le compagnie aeree richiedono qualora il cittadino minorenne si trovasse a viaggiare da solo, anche su suolo italiano: la dichiarazione di accompagnamento. Questa attestazione serve ad autorizzare un soggetto diverso dai genitori o dal tutore legale del minore (di 14 o di 16 anni, in base alle normative della compagnia aerea) o la compagnia aerea stessa a provvedere alla tutela del minore in questione per tutta la durata del viaggio. Tale documento, tuttavia, non ha validità per le leggi in vigore nel nostro Paese. Ciò genera non poca confusione negli utenti, ai quali viene caldamente consigliato di consultare il sito web della compagnia aerea prescelta, prima di richiedere questa dichiarazione. Per quanto riguarda i viaggi all’estero è possibile premunirsi prima della dichiarazione di accompagnamento, chiedendola in Questura. La dichiarazione di accompagnamento è valida per un viaggio (solo andata o A/R) e la sua validità massima è di 6 mesi. Per ottenerla è obbligatorio che il minore sia cittadino italiano.

Viaggi all’estero fuori Unione Europea con bambini

Fino a poco tempo fa i genitori dei minori potevano iscrivere il figlio nel proprio passaporto. A partire dal 26 giugno 2012, questa procedura non è più valida (ma il passaporto col figlio iscritto rimane valido per il genitore fino alla sua naturale scadenza): ai minori in viaggio verso Paesi extraeuropei è richiesto il possesso di un passaporto individuale (quelli con durata decennale rilasciati prima del 25 novembre 2009 restano validi, a condizione che siano inclusi i dati dei genitori per i minori di 14 anni). Come per la carta d’intentità, anche per il passaporto esistono due tipologie di validità a seconda dell’età del bambino o ragazzo: triennale per i minori da 0 a 3 anni, quinquennale per i minori da 3 a 17 anni.

Per ottenere il rilascio di questo documento la procedura prevede l’assenso di entrambi i genitori (o il nulla osta del giudice tutelare). Se uno dei due genitori dà il proprio assenso, ma è impossibilitato a presentarsi per la dichiarazione, può fornire all’altro genitore una dichiarazione scritta di assenso all’espatrio, insieme alla fotocopia del proprio documento d’identità, firmato in orginale.

Rischio sottrazione di minore

Altra annosa questione riguarda il rischio, da parte di un genitore, di scappare con il proprio figlio in territorio estero. La cronaca, purtroppo, ci ha abituato a terribili casi di sottrazione di minore, eventualità manifestatasi soprattutto nelle cosiddette coppie miste, nelle quali i genitori hanno nazionalità diversa da quella italiana.

Per scongiurare tale evenienza, i documenti richiesti per i minorenni vengono rilasciati solo previa autorizzazione di entrambi i genitori (o del tutore/dei tutori che ha/hanno in carico il minore), che devono essere presenti fisicamente al momento del rilascio del documento o, in caso di impossibilità da parte di una delle parti, essa dovrà lasciare fotocopia del proprio documento d’identità valido assieme alla dichiarazione di assenso all’espatrio, entrambe firmate in originale.

Cosa occorre per avere i documenti per i minori?

Per la carta d’identità i genitori devono portare all’Ufficio Anagrafe del proprio Comune di residenza 3 foto uguali e recenti del minore, anche se neonato. Se il Comune di residenza ha avviato i sistemi digitalizzati per la carta di identità elettronica si consiglia di chiamare per chiedere se sia necessario prendere appuntamento o espletare altre pratiche prima della richiesta.

Per il lasciapassare per l’espatrio occorrono 2 fototessere uguali del minore, possibilmente recenti, un documento che attesti l’assenso di entrambi i genitori o nulla osta del giudice tutelare il certificato o estratto di nascita del minore.

Per il passaporto occorre avere due fototessere uguali e recenti del minore, la richiesta del passaporto compilata in tutte le sue parti e sottoscritta, un documento di riconoscimento valido e una fotocopia dello stesso, un contrassegno telematico di €73,50, la ricevuta di versamento effettuato tramite bollettino postale di €42,50. Ai minori verrà rilasciato un passaporto dotato di microchip, ma a partire dal 12esimo anno di età verranno acquisite anche la firma digitale e le impronte del minore per aggiornare lo stesso.