Mamma Sto Bene!
latte materno benefici

Benefici del latte materno, perché fa bene, tutto ciò che bisogna sapere

Mamma, oggi vogliamo parlarti in modo approfondito dell’allattamento al seno. Come ben sai si tratta di un argomento estremamente delicato e quindi vogliamo che ti siedi e leggi bene questa piccola guida consapevole sul latte materno.

Prendere la decisione di allattare è una questione personale. È anche uno di quegli argomenti che probabilmente tirerà fuori forti discussioni con amici e familiari troppo impiccioni. Mamma, ricordati che la decisione è solo tua e che se non puoi farlo per qualsiasi motivo non è assolutamente un motivo per vergognarsi o per sentirsi in colpa.

Il latte materno fa bene al bambino

Se sei tra le mamme fortunate che possono allattare esclusivamente al seno, gli esperti di neonatologia consigliano di farlo per almeno 6 mesi. Ma tu e il tuo bambino siete unici e la decisione spetta a voi.

Quali sono i vantaggi dell’allattamento al seno per il tuo bambino?

Il latte materno fornisce la nutrizione ideale per i bambini. Ha un mix quasi perfetto di vitamine, proteine ​​e grassi: tutto ciò di cui il tuo bambino ha bisogno per crescere. Ed è tutto fornito in una forma più facilmente digeribile rispetto al latte artificiali. Il latte materno contiene anticorpi che aiutano il tuo bambino a combattere virus e batteri. L’allattamento al seno riduce il rischio del bambino di avere asma o allergie. Inoltre, i bambini allattati al seno esclusivamente per i primi 6 mesi, senza alcuna aggiunta di latte in polvere, hanno meno infezioni alle orecchie, malattie respiratorie e attacchi di diarrea. Sono anche i bimbi che hanno meno bisogno di ricoveri e viaggi dal medico.

Tutti i vantaggi dell’allattamento al seno

L’allattamento al seno è stato collegato ai punteggi di QI più elevati nella tarda infanzia in alcuni studi. Inoltre, la vicinanza fisica, il contatto pelle a pelle e il contatto visivo con la sua cara mamma aiutano il bambino a legarsi e sentirsi protetto, tu e lui in un rapporto intimo e unico nel suo genere. I bambini allattati al seno hanno maggiori probabilità di guadagnare la giusta quantità di peso man mano che crescono piuttosto che diventare bambini in sovrappeso. La comunità medica afferma inoltre che l’allattamento al seno ha un ruolo nella prevenzione del rischio di diabete, obesità e alcuni tipi di cancro.

Ci sono benefici per l’allattamento al seno per la madre?

L’allattamento al seno brucia calorie extra, quindi può aiutarti a perdere peso in gravidanza più velocemente. Rilascia l’ormone ossitocina, che aiuta l’utero a tornare alle dimensioni pre-gravidanza e può ridurre il sanguinamento uterino dopo la nascita. L’allattamento al seno riduce anche il rischio di cancro al seno e alle ovaie oltre al rischio di osteoporosi.

Fare ricorso all’allattamento al seno fa risparmiare tempo e denaro dal momento che non è necessario acquistare il latte in polvere, biberon, sterilizzatori e altro Ti dà anche tempo per rilassarti tranquillamente con il tuo neonato mentre lo allatti.

Ti stai chiedendo se sarai in grado di produrre abbastanza latte per allattare?

I primi giorni dopo la nascita, il tuo seno fornisce un “primo latte” ideale. Si chiama colostro. Il colostro è denso, giallastro e scarso, ma c’è un ricco contenuto per soddisfare le esigenze nutrizionali del tuo bambino. Il colostro aiuta lo sviluppo del tratto digestivo di un neonato e prepara il tuo piccolo alla digestione completa del latte materno.

La maggior parte dei bambini perde una piccola quantità di peso nei primi 3-5 giorni dopo il parto, ma stai tranquilla: questo non è correlato all’allattamento al seno.

Dal momento che il tuo bambino ha bisogno di più latte e più infermieri, il tuo seno risponde producendo più latte. Gli esperti raccomandano di allattare esclusivamente al seno per 6 mesi. Se si integra con il latte artificiale, il seno potrebbe iniziare a produrre meno latte.

Anche se allatti per meno dei 6 mesi raccomandati, non ti preoccupare. Molto meglio allattare per un breve periodo piuttosto che mai.

Qual è la posizione migliore per l’allattamento al seno?

La posizione migliore per te è quella in cui tu e il tuo bambino siete a vostro agio e rilassati, l’importate è che entrambi non vi sforziate per mantenere la posizione o continuare l’allattamento.

Posizione della culla

Appoggia il lato della testa del tuo bambino nell’incavo del gomito con il suo corpo rivolto verso di te. Posiziona la pancia del tuo bambino contro il tuo corpo in modo che si senta pienamente supportato. L’altro braccio “libero” può avvolgersi per sostenere la testa e il collo del bambino o raggiungere le gambe per sostenere la parte bassa della schiena.

Posizione pallone da football

Allinea la schiena del tuo bambino lungo l’avambraccio per tenerlo come un pallone da calcio, sostenendo la testa e il collo nel palmo della mano. Funziona meglio con neonati e bambini piccoli. È un’ottimo posizione se ti stai riprendendo da un parto cesareo e hai bisogno di proteggere il ventre dalla pressione o dal peso del tuo bambino.

Posizione laterale

Questa posizione è ottima per le poppate notturne a letto. La posizione laterale funziona bene anche se ti stai riprendendo da un’episiotomia, un’incisione per allargare l’apertura vaginale durante il parto. Usa dei cuscini sotto la testa per sentirti a tuo agio. Quindi rannicchiati vicino al tuo bambino e usa la mano libera per sollevare il seno e il capezzolo nella bocca del bambino. Una volta che il tuo bambino è “agganciato” correttamente, sostieni la testa e il collo del bambino con la mano libera in modo che non ci siano torsioni o tensioni per continuare l’allattamento.

Posiziona il tuo bambino di fronte a te, in modo che il tuo bambino sia a suo agio e non debba assumere posizione scomode o innaturali. Con una mano, coppa il seno e accarezza delicatamente il labbro inferiore del bambino con il capezzolo. Il riflesso istintivo del tuo bambino sarà di spalancare la bocca. Con la mano che sostiene il collo del bambino, avvicina la sua bocca al seno, cercando di centrare il capezzolo nella bocca del bambino.

Saprai che il tuo bambino è “attaccato” correttamente quando entrambe le labbra sono rivolte verso l’esterno attorno al capezzolo. Il tuo bambino dovrebbe avere tutto il tuo capezzolo e la maggior parte dell’areola, che è la pelle più scura intorno al capezzolo, nella sua bocca. Se il bambino non è attaccato correttamente e allatta ad un ritmo regolare, spingi delicatamente il mignolo tra le gengive del bambino per interrompere l’aspirazione, rimuovere il capezzolo e riprovare. Ti consigliamo di assicurarti che sia ben “agganciato”, infatti questo è un ottimo modo di prevenire ragadi e situazioni anche molto dolorose.

Consigli per allattare al seno il bambino

Fai attenzione ai segni di fame del tuo bambino e cerca di allattare il tuo piccolo ogni volta che ha fame. Questo si chiama allattamento a richiesta. I bambini affamati muovono le mani verso la bocca, fanno rumori o movimenti della bocca o si muovono verso il seno. Non aspettare che il tuo bambino pianga o significherà che sarà davvero arrabbiato per quanta fame sta sentendo.

Ti consigliamo di parlare con il tuo medico prima di iniziare ad allattare se state assumendo farmaci da prescrizione di qualsiasi tipo. Il medico può aiutarti a prendere una decisione in base al tuo particolare farmaco. Un semplice raffreddore o una banale influenza non dovrebbe impedirti di allattare. Il latte materno non porterà al bambino la malattia.

Letto dalle mamme